Case Study

Hogan Lovells

Hogan Lovells dal 2010 è considerato fra i primi 10 studi legali al mondo. Lo studio con oltre 45 uffici, è presente in tutti i continenti ed è in continua crescita poiché ha scelto di essere costantemente al fianco dei propri clienti.

In Italia è presente dal 2000, con due sedi, a Milano e Roma e conta su circa 100 professionisti la cui attività ed esperienza offrono un servizio a tutto tondo nel diritto d'impresa.

Hogan Lovells corre per la prima volta alla Milano Marathon nel 2015 e sceglie di affiancare con una raccolta fondi aziendale l’associazione CAF e le sue comunità che accolgono bambini e ragazzi vittime di abusi in famiglia. 12 professionisti formano tre staffette e aprono altrettante pagine di personal fundraising su Rete del Dono. Nel 2016 le staffette sono quattro e i partecipanti sedici, segno che la febbre del running ha contagiato anche i colleghi.

La raccolta fondi che è stata promossa sia a livello italiano che internazionale, inoltrando la call to action a donare a tutti gli studi Hogan Lovells nel mondo, ha permesso di destinare alla buona causa 8.221 euro.

“Uno dei nostri soci, un maratoneta, conosceva Associazione CAF e ha presentato l’iniziativa internamente”, commenta Samantha Bianchi, che si occupa delle attività di CSR dell'ufficio di Milano. “Gli altri l’hanno subito seguito mettendosi in gioco: abbiamo accolto l’iniziativa come un gioco solidale – serio nelle finalità ma divertente nella forma - creando internamente una sfida “a chi raccoglieva di più”. I colleghi stranieri hanno accolto l’invito a donare con entusiasmo, anche perché all’estero questa usanza di ‘sponsorizzare’ una gara per una buona causa è già diffusa e conosciuta”. 

Per saperne di più

Torna all'elenco
Loading…