un’iniziativa di
Maria Triarico
Tempo di sfide
Tempo di sfide

“Qualche volta il destino assomiglia a una tempesta di sabbia che muta incessantemente la direzione del percorso. Per evitarlo cambi l’andatura. E il vento cambia andatura, per seguirti meglio. Tu allora cambi di nuovo, e subito di nuovo il vento cambia per adattarsi al tuo passo. Questo si ripete infinite volte, come una danza sinistra con il dio della morte prima dell’alba. Perché quel vento non è qualcosa che è arrivato da lontano, indipendente da te. È qualcosa che hai dentro. Quel vento sei tu. Perciò l’unica cosa che puoi fare è entrarci, in quel vento, camminando dritto, e chiudendo forte gli occhi per non far entrare la sabbia.” (Haruki Murakami)

E io così ho fatto, camminando dritta e chiudendo forte gli occhi ho affrontato non il vento ma addirittura una tempesta.

Ora che sto meglio, ho preso consapevolezza di dover dimostrare a me stessa e a tutti, in modo speciale a chi si trova ancora in mezzo alla tempesta, di essere ancora io con tutta la mia voglia d...

“Qualche volta il destino assomiglia a una tempesta di sabbia che muta incessantemente la direzione del percorso. Per evitarlo cambi l’andatura. E il vento cambia andatura, per seguirti meglio. Tu allora cambi di nuovo, e subito di nuovo il vento cambia per adattarsi al tuo passo. Questo si ripete infinite volte, come una danza sinistra con il dio della morte prima dell’alba. Perché quel vento non è qualcosa che è arrivato da lontano, indipendente da te. È qualcosa che hai dentro. Quel vento sei tu. Perciò l’unica cosa che puoi fare è entrarci, in quel vento, camminando dritto, e chiudendo forte gli occhi per non far entrare la sabbia.” (Haruki Murakami)

E io così ho fatto, camminando dritta e chiudendo forte gli occhi ho affrontato non il vento ma addirittura una tempesta.

Ora che sto meglio, ho preso consapevolezza di dover dimostrare a me stessa e a tutti, in modo speciale a chi si trova ancora in mezzo alla tempesta, di essere ancora io con tutta la mia voglia di vivere, che la malattia si sconfigge, è un momento che passa, che lascia dei segni e che alla fine ti ritrovi ad essere semplicemente tu più bella e più forte di prima.

E poi all’improvviso, cercato ma inaspettato, arriva il progetto Pink is Good che mi consente di dare forma a tutti questi miei “turbolenti pensieri”.

Ho avuto la fortuna di diventare una Pink Runner 2018 e ho due sfide da vincere: correre l’Half Marathon di Monza (21 km!?!?!) e raccogliere fondi per la ricerca sul cancro.

Per la Half Marathon mi sto “faticosamente” preparando con il supporto della Fondazione Veronesi e di preparatori bravi e attenti.

Per la raccolta fondi invece sono qui a chiedere il tuo sostegno: ti invito a partecipare anche con un piccolo contributo. Aiutami ad aiutare la ricerca contro il cancro!

Grazie di cuore.

Maria

Pink Ambassador 2018

 

    € 31

    Cosima Dimaglie

    8 Novembre 2018

    "Anche questa volta vicina a te in questa avventura, come è sempre stato e come sempre sarà. Mamma Cosimina"
    € 100

    Amici di san donaci

    6 Novembre 2018

    "Donazione da parte del gruppo adulti di ac e di alcuni amici"
    € 31

    Roberto Russo

    4 Novembre 2018

    "Un piccolo dono affinché la ricerca scientifica possa riuscire ad approfondire le conoscenze sulla maggior parte dei meccanismi che sono alla base di tutte le patologie croniche"
    € 21

    Anna Paltanin

    29 Ottobre 2018

    € 102

    Mara Bonazza

    16 Ottobre 2018

    "Dai Maria sono con te. Corri per noi!"
Vuoi fare di più?
Anche tu puoi sostenere le campagne con iniziative personali di raccolta fondi.
Loading…
X

ATTENZIONE