Raccolto 0 €

Fondazione Longo

1. VALORI La Fondazione basa le proprie azioni sui dettati della Costituzione della Repubblica e ne sostiene la piena attuazione. La Fondazione si riconosce nei valori fondamentali di libertà, uguaglianza, solidarietà, lavoro, giustizia e pace. Gli aderenti alla Fondazione credono in una società coesa in cui si lavori insieme per il bene di tutti, dove ognuno può trovare un futuro migliore ed è in grado di crearsi le condizioni necessarie per la propria indipendenza. Il dispiegarsi delle libertà individuali trovano la loro prima sede nelle dimensioni relazionali, familiari e comunitarie per questo la vera sostenibilità è al centro della libertà di ogni individuo. Credono che la vera libertà permetta a tutti di non essere solo un consumatore, ma un cittadino attivo, l’architetto di una società in cui lo sviluppo contribuisce al benessere collettivo al di là della ricchezza materiale. La libertà è strettamente legata all’uguaglianza e si fonda sul riconoscimento delle differenze come valore, rifiutando ogni discriminazione, perché credono convintamente in una società aperta ed inclusiva, che pone l’individuo al centro ed è costituita sulla diversità; che si basa sull’universalità della dignità umana, della libertà e parità di accesso ai diritti, all’istruzione, alla cultura ed ai servizi pubblici per tutti indipendentemente dal sesso, dalla razza, dall’etnia, dalla religione o convinzione personale, dalla disabilità, dall’orientamento sessuale, dall’identità di genere od età; perché la dignità umana e il benessere sono alla base della creazione di ricchezza. La libertà nell’uguaglianza si afferma pienamente nella fraternità e quindi nella solidarietà che ne è la forma sociale. In coerenza con questi valori, e con i principi della Costituzione Repubblicana, assumono i diritti umani, i diritti di tutte le donne e di tutti gli uomini come criterio costitutivo del loro metodo di agire. Aderiscono con convinzione all’idea e alla pratica di uno stato laico e ad una politica fortemente orientata a valori; pensano che un rinnovato patto di solidarietà tra le generazioni sia uno dei valori e degli obiettivi centrali per la ricostruzione di un più ampio patto sociale nel paese. Assumono il valore della non violenza come principio regolatore delle relazioni tra le persone, tra i popoli, tra le nazioni, tra gli stati; ciò implica una solidarietà internazionale, il superamento dei particolarismi nazionale, il ripudio di ogni forma di razzismo e di integralismo religioso, l’integrazione europea che comporta lo sviluppo di un’Europa sociale ed integrata, che si basi sulla costruzione di un soggetto unitario e federale, con una forte dimensione sociale. Aspirano ad una società libera, pacifica e giusta in cui le persone si sentono sicure di vivere la loro vita. 2. MISSION La Fondazione Luigi Longo non ha scopo di lucro. In linea con i valori fondanti della Fondazione e consapevoli della necessità che i diritti umani, il valore delle differenze, la salvaguardia ambientale, siano in continua rielaborazione per confrontarsi con le sfide della modernizzazione e del mondo che cambia, per contribuire alla costituzione di una società aperta e plurale, libera e solidale, giusta e sicura; la Fondazione si impegna a promuovere una convivenza civile fortemente orientata allo sviluppo delle libertà individuali, al diritto di ogni donna e uomo a progettare e realizzare il proprio sviluppo umano e la propria cittadinanza; in quanto la cittadinanza è garanzia di diritti e di opportunità per gli individui ed insieme è assunzione di responsabilità di ciascuno verso la libertà degli altri e di tutti. La Fondazione si propone come laboratorio culturale dispiegando, a favore dei giovani e degli adulti, la sua attività in più direzioni: • La conservazione archivistica, bibliotecaria ed artistica • La ricerca didattica e la formazione • La promozione della cultura artistica e dell’organizzazione culturale attraverso lo studio e la ricerca • La ricerca per l’innovazione politica ed amministrativa • L’iniziativa editoriale 3. STORIA DELLA NASCITA E DELLA CRESCITA DELLA FONDAZIONE La Fondazione Luigi Longo viene costituita il 20 settembre 2007 per volontà del disciolto Partito dei Democratici di Sinistra, ereditando mediante atto di conferimento da quest’ultimo il fondo di dotazione iniziale costituito dagli immobili già appartenuti al Socio Fondatore e situati nella provincia di Alessandria, l’anno successivo il socio fondatore ha integrato la sua donazione patrimoniale iniziale, apportando un nuovo immobile, sessantanove quadri, sculture, murales e varia attrezzatura per l’allestimento di eventi e feste. Negli anni seguenti la Fondazione ha acquisito in donazione un nuovo immobile ed ha ottenuto in donazione nuove opere d’arte. Nel 2009 la Fondazione viene riconosciuta e Registrata presso l’albo regionale. Le opere d’arte sono raccolte in una collezione d’arte contemporanea denominata VALENTIA, con lo scopo di proporsi promotori di cultura artistica e sede di eventi volti alla diffusione dei linguaggi figurativi contemporanei. Accanto alla collezione d’arte, nel patrimonio costitutivo, è stato affidato l’archivio storico, formato principalmente da documenti ed oggetti pervenuti dalle sezioni del PCI, PDS, DS della provincia di Alessandria, oltre a materiale donato da singoli militanti, tutto materiale che racconta un pezzo della storia, della vita nella provincia e della nazione. Appena nata la Fondazione, sotto la presidenza di Guido Ratti, si pone come nuovo momento aggregativo e culturale della provincia. Fin dall’inizio la Fondazione decide di aprirsi anche al mondo del web con un sito personale: www.fondazioneluigilongo.it. Nell’autunno del 2008 si cominciano ad organizzare le prime iniziative che diventano subito luogo d’incontro e sede per fare cultura. L’anno successivo parte il progetto più importante ed ambizioso per la Fondazione l’affidamento dell’incarico ad un giovane storico Alexander Hobel di scrivere la prima Biografia ufficiale su Luigi Longo, protagonista della storia del ‘900 e non adeguatamente presente nella memoria pubblica del paese; a novembre 2013, il progetto, ha finalmente visto la sua concretizzazione con l’uscita del primo volume nelle librerie italiane. Negli anni le iniziative promosse dalla Fondazione sono tante e vengono coinvolte numerose località del territorio in un processo di conoscenza e di valorizzazione del patrimonio culturale e storico della provincia.

Come puoi aiutarci

Un compleanno, un matrimonio, una commemorazione, una festa, un’impresa sportiva o qualsiasi altra sfida: c’è sempre un buon motivo per essere solidale! Diventa Fundraiser su Rete del Dono e aiutaci a fare la differenza! Scegli il progetto che più ti sta a cuore, apri la tua pagina di raccolta fondi e invita tuoi amici a donare. Cosa aspetti … bastano pochi click per far partire la tua raccolta!

Diventa fundraiser

Loading…