A casa mia... e con gli amici

Raccolto € 0

Il tuo obiettivo € 5.000

0

Termina il 13 dicembre 2019

L’area territoriale in cui verrà realizzato il servizio è il  Comune di San Giustino (PG), nel quale è stata rilevata, tramite analisi statistica territoriale fornita dal Comune, la presenza di 2124 anziani ultrasettantenni che vivono all’interno del territorio, di cui 545 vivono soli.
Per gli anziani, la vita in casa propria, anche se con buona assistenza, si svolge per tante ore con scarse o addirittura assenti opportunità capaci di contenere la solitudine attraverso occasioni di contatto con l’esterno, di incontro e di socializzazione.
Il prolungarsi di questa situazione porta spesso a forme di autoesclusione, isolamento sociale e a condizioni di malessere psicofisico legati alla mancanza di legami e di relazioni sociali.
Nella zona dell’Alta Valle del Tevere (Provincia di Perugia) questa situazione è molto presente, favorita principalmente dalle caratteristiche territoriali; vi è un’alta percentuale di anziani che vivono soli e/o isolati nelle zone collinari

Destinatari
Persone anziane autosufficienti o parzialmente autosufficienti, residenti nel Comune di San Giustino (PG), che abbiano compiuto 65 anni, privi di una rete familiare e/o interpersonale, residenti in zone isolate, beneficiari di assistenza domiciliare insufficiente a sottrarlo dalla condizione di particolare isolamento territoriale e/o sociale di cui è soggetto.
Questa prima fase sperimentale, di durata di un anno, verrà realizzata coinvolgendo un massimo di dieci anziani, così da poter creare le condizioni necessarie per svolgere efficacemente le attività programmate ed elaborare una migliore valutazione del progetto in relazione agli obiettivi da raggiungere.
Il progetto verrà realizzato, nella prima fase sperimentale, nel Comune di San Giustino, (PG)
La particolarità positiva di questo progetto è la trasferibilità in altri comuni.

Finalità
Il progetto riconosce il bisogno di aiuto della persona anziana nell’affermare il suo diritto all’inserimento sociale e promuove azioni positive finalizzate ad incoraggiare le esperienze aggregative e a mantenere una vita sociale attiva.
Viene perseguito il ben-essere di una fascia fragile della popolazione, benessere inteso non come mancanza di malattia, ma come condizione di persona-parte della rete di comunità.
L’obiettivo generale è di innalzare il livello della qualità di vita delle persone anziane che, come si evince nell’analisi del contesto, vivono spesso in situazione di solitudine ed isolamento e i loro nuclei familiari hanno difficoltà a fronteggiare tutte le esigenze di “cura” e sostegno, promuovendo attività di integrazione sociale finalizzate a contrastare e prevenire le condizioni di malessere psicosociale, spesso connesse a situazioni di isolamento sociale

Ordina per:

Un progetto di

Vuoi fare di più?

Loading…
X

ATTENZIONE