A fundraising campaign by
Andrea Pardo
Thanks God I can run !
Thanks God I can run !

Thanks God I can run !

Runner forse per sbaglio ma ora è più che una passione, è qualcosa che "mi ha scoperto dentro" perchè un runner ha "quel qualcosa" di diverso, semplice ma profondo e umano, qualcosa che accomuna chi ama lo sport puro e la fatica, difficile da descrivere....

Quando ho corso la mia prima vera trail, la Montevecchia night trail, 36km in autosufficienza, è stato meraviglioso una esperienza unica e incredibile per un ipersportivo che ha fatto mille sport nella vita.. Correre per oltre 4 ore e mezza nel Parco del Curone di notte, illuminati solo dal chiarore di una luna dietro le nuvole e il tuo faro che ti guida è una sensazione da brivido ..qualcosa che non si può descrivere. La partenza, la striscia luminosa degli atleti che si dirada via via, trovarsi da solo nel buio incrociando ogni tanto un runner per chiedere:" come va ?" Il silenzio rotto solo dai versi del vento e degli animali notturni è qualcosa che mi rimarrà dentro per sempre. Non so se in poche righe può

Thanks God I can run !

Runner forse per sbaglio ma ora è più che una passione, è qualcosa che "mi ha scoperto dentro" perchè un runner ha "quel qualcosa" di diverso, semplice ma profondo e umano, qualcosa che accomuna chi ama lo sport puro e la fatica, difficile da descrivere....

Quando ho corso la mia prima vera trail, la Montevecchia night trail, 36km in autosufficienza, è stato meraviglioso una esperienza unica e incredibile per un ipersportivo che ha fatto mille sport nella vita.. Correre per oltre 4 ore e mezza nel Parco del Curone di notte, illuminati solo dal chiarore di una luna dietro le nuvole e il tuo faro che ti guida è una sensazione da brivido ..qualcosa che non si può descrivere. La partenza, la striscia luminosa degli atleti che si dirada via via, trovarsi da solo nel buio incrociando ogni tanto un runner per chiedere:" come va ?" Il silenzio rotto solo dai versi del vento e degli animali notturni è qualcosa che mi rimarrà dentro per sempre. Non so se in poche righe può rendere l'idea a chi non pratica questa disciplina.

Ma è li che ho capito la fortuna che abbiamo. Entrando in una frazione dei vari paesini di Monte vecchia, sotto una.pioggia dolce che ci ha rinfrescato per 6/7 km mi ha colpito un ragazzino in sedia a rotelle sulla porta di casa che ci applaudiva e solo in quel momento ho realizato che correre è un onore e un privilegio...lo diamo per scontato ma c'è chi magari vorrebbe farlo e non può...

Quindi cari runners, marciatori, bikers, tennisti, sciatori, canoisti, nuotatori, calciatori, cestisti e volleyman, kiters, surfisti e... sportivi e non, ricordate che siete dei privilegiati e non date per scontato ciò che fate.

Però si può correre aiutando gli altri e lo scopo di questo nuovo obiettivo, la maratona di Venezia, la mia prima maratona è quello di correre coinvolgendo gli amici ad aiutare il prossimo, ad aiutare l'Abbraccio ONLUS http://www.abbraccio.it/ per aiutare il bambino disabile e sostenere la sua famiglia all'interno di un progetto educativo e di integrazione.

Quindi amici, conoscenti e non aiutatemi a correre aiutando i bambini de L'Abbraccio ONLUS.

 

Take a step forward
Become a personal fundraiser
Want to do more? Start your fundraising

Raised

€ 303

from0 Donors

Closed

Loading…
X

ATTENZIONE