Un’iniziativa di
Runforiov
La nostra seconda vita
La nostra seconda vita

“Quando ti renderai conto che ogni minuto è un regalo ,più presto inizierai a vivere”.

Ciao sono Simonetta e questa frase la si legge entrando a casa mia. Io sono una persona molto riservata e mi è difficile esternare i miei pensieri,ma ho deciso dopo molto tempo di parlarne per far si che questo possa essere di conforto ad altre donne come me.

Primavera 2015; mammografia di controllo ,avevo paura ,negli ultimi tempi avevo un sentore che qualcosa dentro di me non andava, ma speravo di sbagliarmi. Invece qualcosa c era .Quella “cosa” come la chiamavo io con quella forma strana .Il 30 Luglio l incontro con l oncologa che mi sbandiera parole come chemioterapia,intervento,radioterapia,perdita di capelli,nausea e tutta una serie di possibili problematiche ai quali sarei andata incontro. Tornata a casa ,ho riempito due borsoni e sono partita. Non ero pronta ,dovevo metabolizzare il tutto. Ho deciso di lasciare l Italia e andarmene per un po' in un isola lontana per pensare .Quando sono torna

“Quando ti renderai conto che ogni minuto è un regalo ,più presto inizierai a vivere”.

Ciao sono Simonetta e questa frase la si legge entrando a casa mia. Io sono una persona molto riservata e mi è difficile esternare i miei pensieri,ma ho deciso dopo molto tempo di parlarne per far si che questo possa essere di conforto ad altre donne come me.

Primavera 2015; mammografia di controllo ,avevo paura ,negli ultimi tempi avevo un sentore che qualcosa dentro di me non andava, ma speravo di sbagliarmi. Invece qualcosa c era .Quella “cosa” come la chiamavo io con quella forma strana .Il 30 Luglio l incontro con l oncologa che mi sbandiera parole come chemioterapia,intervento,radioterapia,perdita di capelli,nausea e tutta una serie di possibili problematiche ai quali sarei andata incontro. Tornata a casa ,ho riempito due borsoni e sono partita. Non ero pronta ,dovevo metabolizzare il tutto. Ho deciso di lasciare l Italia e andarmene per un po' in un isola lontana per pensare .Quando sono tornata ho iniziato il percorso allo IOV (Istituto Oncologico Veneto).Dovevo farlo per me ,per la mia famiglia ,per i miei splendidi figli .Nella sala rosa ho trovato una seconda famiglia ,persone che non dimenticherò mai che mi hanno aiutato nei momenti di sconforto e altre ragazze come me che ho conosciuto e che continuo a frequentare.

Ora sto bene,mi godo ogni attimo della giornata ,ogni istante di questa meravigliosa vita che Dio mi ha regalato e che tengo ben stretta. Ho voglia solo di sorridere e di far sorridere e questo grazie a tutte quelle persone che ogni giorno lavorano con i malati oncologici e studiano per la ricerca di nuove cure. Perchè è grazie alla ricerca che io sono guarita e che aiuterà sicuramente altre donne come me.

Ora sto iniziando una nuova avventura con altre 10 guerriere ,ci aspetta un anno di impegno che ci porterà come meta alla maratona di New York il 1° Novembre 2020 ,posticipata nel 2021.Nel frattempo cercheremo come ci è possibile di aiutare attraverso donazioni (LA RETE DEL DONO) e raccolta fondi impegnandoci a correre sempre più forte e più determinate di quando abbiamo iniziato. Perchè far del bene agli altri ti gratifica nel cuore e nello spirito.

RETE DEL DONO serve a questo, AIUTACI ANCHE TU ,CON UNA DONAZIONE, A SOSTENERE LA RICERCA PER FAR SI CHE NON SI SPENGA MAI LA SPERANZA. GRAZIE  

    € 10

    Anonimo

    4 Novembre 2019

    "E vaiiiii"
    € 11

    Crivellaro TINO

    4 Novembre 2019

Vuoi fare di più?
Anche tu puoi sostenere le campagne con iniziative personali di raccolta fondi.
Vuoi fare di più? Raccogli fondi anche tu

Raccolto

€ 21

DA 2 Donatori

Terminato

Loading…
X

ATTENZIONE