Image
Image

Due ruote grasse d'amore

Loading...

Mi chiamo Karin, friulana d’origine ma veneta d’adozione. Lavoratrice full time, sono mamma di due splendidi bambini e compagna di Alberto con il quale oltre a condividere la vita, condivido una allegra passione che è il ciclismo o meglio la mountain bike, sport di fatica ma che ti permette di stare a contatto con la natura e di vedere paesaggi mozzafiato che tolgono lo stress e i pensieri negativi. Alberto è indubbiamente più allenato e si dedica con più assiduità e professionalità visto che poi lo insegna anche ad altri ragazzi, io molto meno perché per una mamma è sempre difficile trovare del tempo libero da dedicarsi.

Detto questo, ora sono qui per presentare un mio caro e “pazzo” amico: Francesco Izzo di Roma. Ci siamo conosciuti nel lontano 1999 a Padova perché colleghi di lavoro, da subito è nata una positiva empatia fra noi tant’è che poi l’ho seguito nel percorso di intrattenimento per bambini più sfortunati in ospedale e in altri centri fino ad arrivare in India in istituti per bambini abbandonati.

Col tempo ha deciso di seguire il suo cuore che lo ha portato nel 2004 a fondare nelle Filippine, una casa famiglia chiamata “Isla ng Bata – L’Isola dei Bambini”. Grazie al suo impegno e all’aiuto delle persone che gli sono state accanto è riuscito ad accogliere, curare e dare un’istruzione adeguata a bambini e bambine che soffrono la povertà e abbandono in quelle zone. L’accogliente casa, che ho personalmente visitato due anni fa con tutta la famiglia, ospita 30 bambine assistite con vero amore da Francesco e sua moglie Flora che si sono stabiliti in quel Paese con la figlia Luce.

Francesco ha deciso di lanciare una sfida a tutti coloro che sognano un mondo migliore, a misura di bambina e bambino, percorrendo l’Italia in bicicletta dai due estremi dello stivale, da Santa Maria di Leuca (LE) fino a Predoi (BZ), per dare la testimonianza che insieme è possibile donare speranza e opportunità a bambine che da sole non c’è la fanno. L'impresa di Francesco coadiuvato da una coppia di amici ciclisti, comincerà il 16 novembre e terminerà i primi giorni di dicembre, pedalare per lui e per loro significa pedalare anche insieme a loro, facendo conoscere le loro storie, i loro vissuti e i loro sogni perché la vera sfida è quella che passa attraverso la conoscenza e arriva dritta al cuore di chi decide di agire per sostenere i diritti di bambine che da sole non c’è la fanno!

E’ una sfida alla quale possiamo partecipare tutti.

Io ho deciso di mettermi in gioco prestando la mia mountainbike a Francesco e fornendogli supporto tecnico/logistico quando si avvicinerà a Treviso, condividendo poi anche qualche chilometro con la famiglia e spero anche con qualche amico che si aggregherà!

A tale scopo lo supporterò in questa sfida, desidero aiutare Francesco e tutti i volontari che ogni giorno si impegnano per garantire un futuro migliore ai bambini ed alle bambine di Isla ng Bata!

Vuoi fare di più?

Raccogli fondi anche tu.
Diventa personal fundraiser!
scopri di più
VisaMastercardAmericanExpressPostepayPaypalStripeSatispay

Seguici su

mano