ic-team-megafono Aggiornamento del 15 marzo dalla Casa della Misericordia
ic-team-megafono Aggiornamento del 15 marzo dalla Casa della Misericordia

Chi parla è Tetyana Dubyna, presidente della Casa della Misericordia: «Cari amici, grazie ancora per la vostra vicinanza e il vostro sostegno. La situazione si fa sempre più preoccupante: i recenti attacchi anche nella parte occidentale del Paese ci fanno sentire in pericolo e ci hanno spinto ad accelerare l’evacuazione dalla Casa della Misericordia. Nello scorso fine settimana le ultime persone tra donne e bambini sono riuscite a raggiungere l’Italia, accompagnate da due responsabili della struttura. Lo stesso ministero degli Affari Sociali ucraino ha comunicato di aver evacuato duemila minori fragili da istituti e orfanotrofi pubblici. I cento posti letto allestiti per gli sfollati da altre zone del Paese bombardate (Kyiv, Bucha, Kharkiv, Donetsk) sono intanto già tutti occupati: stiamo accogliendo minori, donne sole, feriti, anziani, disabili… Parte del personale della Casa, a ranghi ridotti, è rimasto al lavoro per dare loro conforto e assistenza. Non sappiamo come faremo per gli a

Chi parla è Tetyana Dubyna, presidente della Casa della Misericordia: «Cari amici, grazie ancora per la vostra vicinanza e il vostro sostegno. La situazione si fa sempre più preoccupante: i recenti attacchi anche nella parte occidentale del Paese ci fanno sentire in pericolo e ci hanno spinto ad accelerare l’evacuazione dalla Casa della Misericordia. Nello scorso fine settimana le ultime persone tra donne e bambini sono riuscite a raggiungere l’Italia, accompagnate da due responsabili della struttura. Lo stesso ministero degli Affari Sociali ucraino ha comunicato di aver evacuato duemila minori fragili da istituti e orfanotrofi pubblici. I cento posti letto allestiti per gli sfollati da altre zone del Paese bombardate (Kyiv, Bucha, Kharkiv, Donetsk) sono intanto già tutti occupati: stiamo accogliendo minori, donne sole, feriti, anziani, disabili… Parte del personale della Casa, a ranghi ridotti, è rimasto al lavoro per dare loro conforto e assistenza. Non sappiamo come faremo per gli approvvigionamenti e per la sicurezza di cose e persone, Dio ci aiuterà…"

icon.card icon.card icon.card icon.card icon.card icon.card
Vuoi fare di più?
Anche tu puoi sostenere le campagne con iniziative personali di raccolta fondi.
Loading…
X

ATTENZIONE