Skip to main content

Per rendere il giorno del vostro matrimonio ancora più speciale, invece dei soliti regali proponete ai vostri ospiti una lista nozze solidale, invitandoli a donare per una buona causa. Ecco come fare

Una lista notte solidale può rendere il giorno del matrimonio davvero unico. Oltre a sancire un legame indissolubile e a rappresentare una giornata che ricorderete per sempre, questa occasione vi permette di contribuire ad una buona causa e di cambiare la vita di persone bisognose. Una lista nozze solidale sarà un sigillo ancora più forte per la vostra unione, che vi legherà per tutta la vita. Qualunque causa decidiate di sostenere, è certo che i regali solidali renderanno il vostro matrimonio ancora più speciale. Vediamo quindi come attivare una raccolta fondi e realizzare una lista nozze solidale per trasformare questo momento, così speciale per due innamorati, in un’occasione per fare del bene.

Attivare una raccolta fondi per una buona causa in occasione del matrimonio

Come si può rendere la felicità di due sposi un momento di condivisione? Basta informare amici e parenti che invece della classica lista nozze avete pensato di sostenere una causa che vi sta a cuore. Un’idea semplice e sicura è quella di scegliere un progetto presente in una piattaforma di crowdfunding. Gli invitati potranno collegarsi al link da voi indicato e donare una cifra a loro scelta. Oppure, sempre sfruttando un portale dedicato al crowdfunding, potete attivare una raccolta fondi personale con un’attività di personal fundraising per sostenere una causa che conoscete personalmente e alla quale volete contribuire. Oltre alla lista nozze solidale, potete fare del bene anche scegliendo di realizzare bomboniere solidali per il vostro giorno speciale.

Come decidere quanti fondi raccogliere con una lista nozze solidale

Porsi un giusto obiettivo di raccolta fondi è importante. Un suggerimento è quello di partire dalla lista degli amici e dei parenti che si desidera invitare, fare una stima di quanto potrebbero donare e il gioco è fatto. In pochi minuti riuscirete a capire a quanto potete arrivare. Il passo successivo è appassionarli al progetto che intendete sostenere spiegando loro come verranno investiti i fondi raccolti. Non solo. Illustrare anche cosa si può realizzare in concreto, ad esempio con una donazione di 100 euro, aiuta a far capire meglio l’impatto del proprio contributo. Facciamo un esempio pratico. Per un progetto di aiuto per lo studio di tanti bambini, possiamo spiegare che 20 euro permettono di acquistare un kit studente, mentre 100 euro coprono la retta per un anno di scuola, oppure le cure mediche per sei mesi.

Come attivare gli amici a donare sulla nostra raccolta fondi

Il giusto approccio è dare il buon esempio. Quindi la coppia che attiva la campagna di raccolta fondi deve donare per prima. In seguito consigliamo di mandare gli inviti a donare, via email, alle persone più intime e care, che sicuramente doneranno. Il secondo step è inviare una mail a tutti gli altri vostri invitati, spiegando che per il matrimonio non volete regali, ma donazioni a sostegno di un progetto di solidarietà con il link alla pagina di raccolta fondi. Una volta raccolte le prime e più consistenti donazioni, è possibile dare ulteriore visibilità alla campagna pubblicando un post su Facebook, o sul altri social network, in cui annunciate il vostro grande giorno e invitate gli amici a donare per il progetto solidale in cui credete molto.

Ad esempio, Elisa e Luigi sono riusciti a raccogliere una somma importante in favore di Fondazione AIRC, attiva da tanti anni nella lotta contro il cancro. Grazie alla loro inziativa e al loro esempio, hanno portato più di 60 persone a donare!

Aldo Lubrani

Laureato con lode in Relazioni Internazionali presso Università degli studi Roma Tre, Master in Europrogettazione presso Europa Business School di Bologna. Lavoro da anni nel settore Digital Fundraising e Non Profit. Su Rete del Dono ricopro il ruolo di Project Manager nell'ambito Comunicazione, Digital e Personal Fundraising. Appassionato di viaggi, storia e arte.

Lascia un commento